Competenze 4.0 per il lavoratore del futuro

Un corso di SOLCO SRL.

Il percorso formativo si articola in due moduli, che approfondiscono le competenze fondamentali richieste dal mutato scenario economico e del lavoro degli ultimi anni e dai nuovi modelli organizzativi legati allo smart working. I due moduli sono i seguenti: 1. GESTIONE DELLA COMPLESSITÀ: PROBLEM SOLVING E DECISION MAKING 2. LAVORO PER OBIETTIVI E TIME MANAGEMENT

Il percorso formativo si pone i seguenti obiettivi specifici, associati ai due moduli previsti:
1. sviluppo di una maggiore capacità di individuare e comprendere gli aspetti essenziali dei problemi per definirne le priorità, valutare i fatti significativi, sviluppare possibili soluzioni
2. acquisizione delle conoscenze psicologiche e di management richieste dal modello di lavoro per obiettivi e delle conoscenze di natura psicologica, aziendale e tecnologica implicate nelle attività di time management

• Elementi di problem setting, problem solving e decision making
• Pensiero divergente e pensiero convergente
• Saper individuare le cause di un problema e proporre soluzioni coerenti con il design thinking
• Saper applicare modelli decisionali e di fact finding
• Principi del Management by Objectives
• Principi dei Modello Agile di organizzazione del lavoro
• Utilizzo dell’analisi di Pareto e del metodo di Eisenhower
• Utilizzo di App e piattaforme a supporto della produttività individuale

Gli allievi che avranno frequentato il 70% del monte ore previsto dal percorso sosterranno una valutazione delle competenze in uscita tramite test a scelta multipla, avente ad oggetto le conoscenze teoriche approfondite. Al superamento con esito positivo del test finale i partecipanti riceveranno una Attestato che prevede la messa in trasparenza delle competenze acquisite.

Simonetta Canneti

scanneti@solcosrl.it

Gestione della complessità: problem solving e decision making

Il modulo intende fornire un metodo razionale e analitico di decision making, che faciliti la presa di decisioni in contesti caratterizzati da incertezza e scarsità di informazioni, con particolare attenzione alle circostanze in cui è necessario risolvere problemi di elevata complessità. Il modulo è incentrato su modelli scientifici di decision making, approfondendo il funzionamento dei processi cognitivi umani, gli errori più diffusi e le tecniche per contrastarne l’incidenza, nonché le tecniche più recenti di decision making creativo volto alla soluzione di problemi. Contenuti didattici: caratteristiche del contesto V.U.C.A. (Volatility, Uncertainty, Complexity and Ambiguity); psicologia del giudizio e della decisione; rischio e presa di decisione: la teoria del prospetto; le euristiche e i bias; emozioni e presa di decisione: la teoria del regret; processi cognitivi coinvolti nelle attività di problem solving; nuovi modelli di problem solving creativo: il design thinking.

Destinatari

I possibili destinatari includono individui con esigenze diversificate, come ad esempio professionisti che ambiscono a riscoprire ruoli che prevedono responsabilità decisionali, relative ad esempio alle scelte di mercato, alle innovazioni, agli investimenti o altri ambiti chiave della gestione di impresa. Altro gruppo di destinatari potenziali sono i professionisti che ipotizzano, nel medio termine, di intraprendere un percorso di autoimpiego. Per quanto riguarda i profili dei partecipanti, potranno frequentare il modulo individui di ogni livello di istruzione e qualificazione, occupati in ogni tipo di settore e professione, dal momento che l’oggetto del corso risulta trasversale ai comparti e agli interessi professionali.

Obiettivi dell’apprendimento

Il modulo consentirà di sviluppare la capacità di risolvere problemi e prendere decisioni complesse in modo efficace, affrontando razionalmente problemi sia di tipo tecnico che organizzativo. In questa direzione, tra gli obiettivi specifici è possibile evidenziare lo sviluppo di una maggiore capacità di individuare e comprendere gli aspetti essenziali dei problemi per definirne le priorità, valutare i fatti significativi, sviluppare possibili soluzioni nonché sviluppare la capacità di informare ed esporre fatti ed il proprio punto di vista, raccogliere informazioni, convincere, motivare e interessare i possibili interlocutori.

Modalità verifica

Gli allievi che avranno frequentato il 70% del monte ore previsto dal corso sosterranno una valutazione delle competenze in uscita tramite test a scelta multipla, avente ad oggetto le conoscenze teoriche approfondite. Al superamento con esito positivo del test finale i partecipanti riceveranno una Attestato che prevede la messa in trasparenza delle competenze acquisite.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Formazione a distanza sincrona

Metodologia Metodologie didattiche interattive quali esercitazioni di ragionamento e formulazione di giudizi logico-matematici relativi alle euristiche e ai bias, seguite da debriefing; simulazioni di processi decisionali su specifiche tematiche o relativi alla soluzione di problemi (es. riposizionamento di mercato, scelte di carriera, etc.); analisi di articoli di giornale e testi di varia natura per l’identificazione delle euristiche; role playing per la messa in pratica di tecniche di “debiasing”.
Lavoro per obiettivi e time management

Il modulo approfondisce due elementi fondamentali per la corretta adozione delle nuove modalità di lavoro abilitate dalla transizione digitale e dai repentini cambiamenti indotti dalla pandemia da Covid-19: il lavoro per obiettivi e il time management. Il lavoro per obiettivi implica un radicale ripensamento dell’organizzazione del lavoro e del concetto di mansione, richiedendo nuovi modelli teorici tanto sul piano organizzativo in senso stretto, quanto da un punto di vista culturale e psicologico, affrontati nel modulo. Il time management assume dunque un valore strategico, dal momento che al dipendente è assegnata la responsabilità sui risultati raggiunti e pertanto è richiesta capacità di autoregolazione e di pianificazione delle attività; anch’esse chiamano in causa elementi organizzativi e psico-cognitivi, affrontati nel modulo.

Destinatari

I destinatari principali del corso sono tutti i dipendenti destinatari di iniziative di smart working, che, data l’entità del cambiamento che tale modello implica, necessitano di acquisire conoscenze e competenze di ambito organizzativo e psicologico che supportino l’adozione di buone pratiche di lavoro agile. Rientrano tra i destinatari potenziali anche i professionisti che ambiscono a ricoprire ruoli aziendali di responsabilità, per i quali le capacità di lavorare per obiettivi e di gestione del tempo assumono estrema rilevanza. Per quanto riguarda i profili dei partecipanti, potranno frequentare il modulo individui di ogni livello di istruzione e qualificazione, occupati in ogni tipo di settore e professione, dal momento che l’oggetto del corso risulta trasversale ai comparti e agli interessi professionali.

Obiettivi dell’apprendimento

Un primo obiettivo di apprendimento è quello di acquisire le conoscenze psicologiche e di management richieste dal modello di lavoro per obiettivi, legate ai processi cognitivi e autoregolatori implicati, ai nuovi principi di organizzazione del lavoro e alle tecniche di planning. Un secondo obiettivo di apprendimento è quello di acquisire le conoscenze di natura psicologica, aziendale e tecnologica implicate nelle attività di time management, relative ai processi cognitivi implicati, le tecniche e gli strumenti digitali da impiegare e i rischi associati più rilevanti, contestualizzati rispetto al fenomeno dello smart working.

Modalità verifica

Gli allievi che avranno frequentato il 70% del monte ore previsto dal corso sosterranno una valutazione delle competenze in uscita tramite test a scelta multipla, avente ad oggetto le conoscenze teoriche approfondite. Al superamento con esito positivo del test finale i partecipanti riceveranno una Attestato che prevede la messa in trasparenza delle competenze acquisite.

Modalità formativa

Formazione a distanza sincrona

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia Metodologie didattiche esperienziali e interattive quali: esercitazioni sulla formulazione corretta degli obiettivi di performance; esercitazioni per la definizione di un patto individuale di smart working che rispetti le proprie esigenze di conciliazione; simulazioni progettuali per l’applicazione delle tecniche di pianificazione dei tempi; esercitazioni sull’applicazione di tecniche di time management a impegni e progetti reali.

Agrigento, Caltanissetta, Catania, Chieti, Enna, Frosinone, Genova, La Spezia, Latina, Messina, Milano, Padova, Palermo, Pescara, Ragusa, Roma, Savona, Siracusa, Trapani, Trento,

Contatta l’Ente manifestando l’interesse

Hidden
Hidden
Hidden
Hidden
Privacy*
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.