Formazione in materia di sicurezza sul lavoro

Un corso di CERSEO.

I corsi sono finalizzati all'acquisizione di una maggiore consapevolezza di tutti gli aspetti da considerare per attuare in modo tempestivo, sicuro ed efficace gli interventi in situazioni di emergenza e/o di rischio.

Per i moduli relativi alla Tematica sicurezza si persegue l’acquisizione di una maggiore consapevolezza di tutti gli aspetti da considerare per attuare in modo tempestivo, sicuro ed efficace gli interventi in situazioni di emergenza e/o di rischio.
Per l’area Salute e sicurezza sui luoghi di lavoro sono stati presi in considerazione le indicazioni, gli obblighi e i vincoli della legislazione vigente in materia, in particolare il Dlgs 81/2008
Obbiettivi specifici:
sperimentare e rendere disponibile un modello di dichiarazione delle competenze acquisite durante l’esperienza formativa e spendibili sul mercato del lavoro regionale e interregionale
- favorire la messa a disposizione dell’impresa e dei lavoratori di competenze ed esperienze formative utili a rispondere ai fabbisogni formativi.

Al termine dei corsi di quest’area, i partecipanti saranno in grado di:
– conoscere le nozioni fondamentali relative alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro
– conoscere i rischi generici e specifici e le misure di prevenzione e protezione
– acquisire consapevolezza dell’importanza di adottare comportamenti “sicuri”
– conoscere i concetti chiave in ambito di salute e sicurezza
– saper inquadrare nell’organizzazione aziendale il sistema di relazioni tra i diversi attori della Prevenzione

1) autovalutazione – somministrazione di un QST
2) osservazione strutturata, da parte dei responsabili, del comportamento professionale dei collaboratori che hanno partecipato al percorso. La prova sarà coerentemente strutturata in funzione delle competenze (conoscenze e capacità) che si vogliono rendere evidenti e sarà obbligatoria per tutti gli/le allievi/e; la valutazione sarà unica ed espressa in centesimi e produrrà il rilascio dell’Attestato di frequenza e la Dichiarazione di Competenze

IRENE TORTONESE

alessandria@cerseo.org

ADDETTO AL PRIMO SOCCORSO NEI LUOGHI DI LAVORO – AZIENDE GRUPPO A

Il percorso formativo rivolto agli Addetti al primo soccorso dei luoghi di lavoro per aziende di GRUPPO A prevede 16 ore di formazione così suddivise: MODULO A (6 ORE) Allertare il sistema di soccorso; Riconoscere un'emergenza sanitaria MODULO B (4 ORE) Acquisire conoscenze generali sui traumi in ambiente di lavoro: Acquisire conoscenze generali sulle patologie specifiche in ambiente di lavoro e MODULO C (6 ORE) Acquisire capacità di intervento pratico

Destinatari

Il percorso formativo rivolto agli Addetti al primo soccorso dei luoghi di lavoro per aziende di GRUPPO A. La formazione è destinata al lavoratore come definito dall'art.2 comma 1 lettera a) del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Obiettivi dell’apprendimento

Fornire le conoscenze per: Partecipare all'organizzazione dei soccorsi Contribuire all'eliminazione o alla riduzione di eventuali rischi residui Presidiare il soggetto da soccorrere Raccogliere le informazioni sulle circostanze dell'evento Riconoscere le situazioni di emergenza negli ambienti di lavoro Attuare gli interventi di primo soccorso

Modalità verifica

Prova di agenzia, senza commissione esterna Il test sarà composto da 20 domande a risposta multipla. Punteggio massimo: 100/100 Valore di ogni risposta corretta: 5/100 Soglia per il superamento del Test: 60/100 Tempo di erogazione della prova: 1 ora

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Laboratorio

Metodologia Lezione frontale in Aula attrezzata con Lavagna, Videoproiettore, PC, attrezzatura per docenza frontale Esercitazione pratica in Laboratorio primo soccorso con strumenti/risorse (dotazioni minime): manichino, cassetta primo soccorso come da DM388 allegati 1/2 D.L.81-09/04/08. Supporti documentali per l'apprendimento Dispensa Estratti da testi specialistici.
ADDETTO AL PRIMO SOCCORSO NEI LUOGHI DI LAVORO – AZIENDE GRUPPO B, C

Il percorso formativo rivolto agli Addetti al primo soccorso dei luoghi di lavoro per aziende dei GRUPPI B e C prevede 12 ore di formazione così suddivise: MODULO - UF A (4 ORE) Allertare il sistema di soccorso Riconoscere un'emergenza sanitaria MODULO - UF B (4 ORE) Acquisire conoscenze generali sui traumi in ambiente di lavoro Acquisire conoscenze generali sulle patologie specifiche in ambiente di lavoro MODULO UF C - (4 ORE) Acquisire capacità di intervento pratico.

Destinatari

Il percorso formativo rivolto agli Addetti al primo soccorso dei luoghi di lavoro per aziende dei GRUPPI B e C. La formazione è destinata al lavoratore come definito dall'art.2 comma 1 lettera a) del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Il corso ottempera a quanto previsto dal D.M. 15 luglio 2003 n. 388 e dal D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Obiettivi dell’apprendimento

Fornire le conoscenza le conoscenze per: Gestire le emergenze sul posto di lavoro e intervenire in caso di Emmergenza.

Modalità verifica

Prova di agenzia, senza commissione esterna Il test sarà composto da 20 domande a risposta multipla. Punteggio massimo: 100/100 Valore di ogni risposta corretta: 5/100 Soglia per il superamento del Test: 60/100 Tempo di erogazione della prova: 1 ora

Modalità formativa

Laboratorio

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia Aula attrezzata Lavagna, Videoproiettore, PC, attrezzatura per docenza frontale Laboratorio primo soccorso -con strumenti/risorse (dotazioni minime): manichino, cassetta primo soccorso come da DM388 allegati 1/2 D.L.81-09/04/08. Supporti documentali per l'apprendimento Dispensa Estratti da testi specialistici Esercitazione pratica Modalità didattica atta a trasferire conoscenze pratiche ed operative, tramite la messa in pratica delle conoscenze teoriche apprese in aula. Lezione frontale
Addetto alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze – rischio basso

Il percorso formativo rivolto agli addetti alle squadre antincendio e gestione delle emergenze per attività a rischio d'incendio basso prevede 4 ore di formazione e sono così suddivise: 1) L'INCENDIO E LA PREVENZIONE (1 ORA) 2) PROTEZIONE ANTINCENDIO E PROCEDURE DA ADOTTARE IN CASO DI INCENDIO (1 ORA) 3) ESERCITAZIONI PRATICHE (2 ORE)

Destinatari

Il percorso formativo rivolto agli addetti alle squadre antincendio e gestione delle emergenze per attività a rischio d'incendio basso Il corso ottempera a quanto previsto dal D.Lgs. 81/08 e s.m.i.. Sono considerate attività con livello di rischio basso: le attività quelle non classificabili a medio ed elevato rischio e dove, in generale, sono presenti sostanze scarsamente infiammabili, dove le condizioni di esercizio offrono scarsa possibilità di sviluppo di focolai e ove non sussistono probabilità di propagazione delle fiamme. La frequenza al corso deve essere pari al 100% delle ore corso

Obiettivi dell’apprendimento

Fornire le conoscenze per gestire le emergenze e Intervenire in caso di emmergenza

Modalità verifica

Prova di agenzia, senza commissione esterna All'interno del percorso verranno svolte delle prove di verifica dell'apprendimento Il test sarà composto da 20 domande a risposta multipla. Punteggio massimo: 100/100 Valore di ogni risposta corretta: 5/100 Soglia per il superamento del Test: 60/100

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia Aula attrezzata Lavagna, Videoproiettore, PC, attrezzatura per docenza frontale Laboratorio antincendio 1 Estintore a polvere e/o ad anidride carbonica per spiegazione funzionamento. DVD con video sull'utilizzo degli estintori e sullo spegnimento incendi. Campionatura dei DPI. Materiale didattico Dispense, testi, schede; Power Point, normative Esercitazione con dimostrazione del docente Lezione frontale
ADDETTO ALLA PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE – RISCHIO MEDIO

Il percorso formativo rivolto agli addetti alle squadre antincendio e gestione delle emergenze per attività a rischio d'incendio medio prevede 8 ore di formazione e sono così suddivise: 1) L'INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI (2 ORE) 2) PROTEZIONE ANTINCENDIO E PROCEDURE DA ADOTTARE IN CASO DI INCENDIO (3 ORE) 3) ESERCITAZIONI PRATICHE (3 ORE) Il corso ottempera a quanto previsto dal D.Lgs. 81/08 e s.m.i

Destinatari

La formazione è destinata al lavoratore come definito dall'art.2 comma 1 lettera a) del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. incaricato addetto alla squadra antincendio e gestione delle emergenze.

Obiettivi dell’apprendimento

Fornire ai lavoratori le competenze per Applicare le procedure di prevenzione aziendale Monitorare i sistemi di protezione antincendio/emergenze Segnalare potenziali pericoli Individuare i dispositivi di spegnimento più idonei Interfacciassi con gli organi/enti di soccorso (ad es. VV.F.)

Modalità verifica

Prova di agenzia, senza commissione esterna Il test sarà composto da 20 domande a risposta multipla. Punteggio massimo: 100/100 Valore di ogni risposta corretta: 5/100 Soglia per il superamento del Test: 60/100

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Laboratorio

Metodologia Aula attrezzata Lavagna, Videoproiettore, PC, attrezzatura per docenza frontale Laboratorio antincendio Estintore a polvere e ad anidride carbonica. Bruciatore o vasca per simulazione, manichetta da 45, lancia da 45, divisore 70/45, giaccone, guanti ed elmetto, telo, benzina e gasolio. Esercitazione pratica Modalità didattica atta a trasferire conoscenze pratiche ed operative, tramite la messa in pratica delle conoscenze teoriche apprese in aula.
Lavoratore addetto alla conduzione di carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo

La formazione del Lavoratore addetto alla conduzione di carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo si pone l'obiettivo di fare acquisire conoscenze ed abilità pratiche previste dalla normativa vigente e, in particolare, dall'Accordo Stato Regioni 22/02/2012 e successive modifiche (All.VI)per l'utilizzo delle attrezzature in modo idoneo e sicuro.

Destinatari

Lavoratore addetto alla conduzione di carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo ­ carrelli industriali semoventi

Obiettivi dell’apprendimento

Acquisire conoscenze e abilità pratiche previste dalla normativa vigente e, in particolare, dall'Accordo Stato Regioni 22/02/2012 e successive modifiche (All.VI) per l'utilizzo delle attrezzature in modo idoneo e sicuro.

Modalità verifica

Prova intermedia di verifica consistente in un questionario a risposta multipla che s’intende superato con almeno il 70% delle risposte esatte, della durata di 1 ora. Prova pratica di verifica finale consistente nell'esecuzione di almeno due prove tra quelle previste dall'All.VI punto 4 dell'Accordo del 22 febbraio 2012 e s.m.i., della durata di 3 ore.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia Aula attrezzata Lavagna, Videoproiettore, PC, attrezzatura per docenza frontale Materiale didattico Dispense, testi, schede; Lucidi, normative Lezione frontale - STD Interazione didattica basata principalmente sulla comunicazione tra formatore/allievo/gruppo classe, finalizzata all'approccio a contenuti nuovi, all'approfondimento, al confronto. Area attrezzata Area delimitata come previsto dall'all. I dell'Accordo Stato Regioni del 22 febbraio 2012 e s.m.i
Lavoratore addetto alla conduzione di piattaforme di lavoro mobili elevabili (PLE) su stabilizzatori e senza stabilizzatori

La formazione del Lavoratore addetto alla conduzione di piattaforme di lavoro mobili elevabili (PLE) si pone l'obiettivo di fare acquisire conoscenze ed abilità pratiche previste dalla normativa vigente e, in particolare, dall'Accordo Stato Regioni 22/02/2012 e successive modifiche (All.III) per l'utilizzo delle attrezzature in modo idoneo e sicuro

Destinatari

Lavoratore addetto alla conduzione di piattaforme di lavoro mobili elevabili (ple) - su stabilizzatori e senza stabilizzatori

Obiettivi dell’apprendimento

Acquisire conoscenze ed abilità pratiche previste dalla normativa vigente e, in particolare, dall'accordo stato regioni 22/02/2012 e successive modifiche (all.vi) per l'utilizzo delle attrezzature in modo idoneo e sicuro

Modalità verifica

Prova di agenzia, senza commissione esterna Il mancato superamento delle prove comporta l'obbligo di ripetizione del/i modulo/i relativo/i. Prova intermedia di verifica consistente in un questionario a risposta multipla che si intende superato con almeno il 70% delle risposte esatte, della durata di 1 ora. Prova pratica di verifica finale consistente nell' esecuzione delle prove previste dall'All.III punto 4 dell'Accordo del 22 febbraio 2012 e s.m.i., della durata di 1 ora.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia Aula attrezzata Lavagna, Videoproiettore, PC, attrezzatura per docenza frontale Materiale didattico Dispense, testi, schede; Lucidi, normative Lezione frontale - STD Interazione didattica basata principalmente sulla comunicazione tra formatore/allievo/gruppo classe, finalizzata all'approccio a contenuti nuovi, all'approfondimento, al confronto Area attrezzata Area delimitata come previsto dall'all. I dell'Accordo Stato Regioni del 22 febbraio 2012 e s.m.i.
Lavoratore addetto alla conduzione di piattaforme di lavoro mobili elevabili (PLE) su stabilizzatori e senza stabilizzatori

La formazione del Lavoratore addetto alla conduzione di piattaforme di lavoro mobili elevabili (PLE) si pone l'obiettivo di fare acquisire conoscenze ed abilità pratiche previste dalla normativa vigente e, in particolare, dall'Accordo Stato Regioni 22/02/2012 e successive modifiche (All.III) per l'utilizzo delle attrezzature in modo idoneo e sicuro

Destinatari

Lavoratore addetto alla conduzione di piattaforme di lavoro mobili elevabili (ple) - su stabilizzatori e senza stabilizzatori

Obiettivi dell’apprendimento

Acquisire conoscenze ed abilità pratiche previste dalla normativa vigente e, in particolare, dall'accordo stato regioni 22/02/2012 e successive modifiche (all.vi) per l'utilizzo delle attrezzature in modo idoneo e sicuro

Modalità verifica

Prova di agenzia, senza commissione esterna Il mancato superamento delle prove comporta l'obbligo di ripetizione del/i modulo/i relativo/i. Prova intermedia di verifica consistente in un questionario a risposta multipla che si intende superato con almeno il 70% delle risposte esatte, della durata di 1 ora. Prova pratica di verifica finale consistente nel esecuzione delle prove previste dall'All.IX punto 4 dell'Accordo del 22 febbraio 2012 e s.m.i., della durata di 3 ore.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia Aula attrezzata Lavagna, Videoproiettore, PC, attrezzatura per docenza frontale Materiale didattico Dispense, testi, schede; Lucidi, normative Lezione frontale - STD Interazione didattica basata principalmente sulla comunicazione tra formatore/allievo/gruppo classe, finalizzata all'approccio a contenuti nuovi, all'approfondimento, al confronto Area attrezzata Area delimitata come previsto dall'all. I dell'Accordo Stato Regioni del 22 febbraio 2012 e s.m.i.
Formazione alla salute e sicurezza per preposti

Il suddetto percorso formativo contempla corsi di formazione per preposti in funzione della natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro, delle modalità di organizzazione del lavoro e delle attività lavorative svolte.

Destinatari

La formazione è destinata ai soggetti che rivestono la funzione di preposti come definito dall'art.2 comma 1 lettera e) del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Tale formazione è aggiuntiva a quella prevista per i lavoratori in relazione ai compiti da lui esercitati in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Per partecipare al corso è necessario che di aver svolto il percorso formativo dei lavoratori sia per la formazione generale che per quella specifica.

Obiettivi dell’apprendimento

La formazione alla salute e sicurezza per preposti si pone l'obiettivo di fare acquisire conoscenze relative alla normativa vigente e competenze tecnico professionali per lo svolgimento in sicurezza dei rispettivi compiti in azienda. La formazione dà credito formativo permanente. La formazione particolare alla sicurezza per preposto deve essere aggiuntiva a quella per i lavoratori.

Modalità verifica

Colloquio o test in alternativa tra loro La frequenza è obbligatoria e pari almeno al 90% delle ore.

Modalità formativa

Formazione a distanza sincrona

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia Aula didattica - STD Aula idonea ad ospitare attività formative comprensiva di attrezzatura e strumenti, quali lavagna, videoproiettore, PC, adatti alla fruizione dell'attività didattica da parte degli allievi. Modalità - Lezione frontale - Interazione didattica basata principalmente sulla comunicazione tra formatore/allievo/gruppo classe, finalizzata all'approccio a contenuti nuovi, all'approfondimento, al confronto supportata da strumenti per la gestione della comunicazione.
Formazione generale dei Lavoratori

Per tutti i settori, la formazione generale si pone l'obbiettivo di formare i lavoratori in merito ai concetti di prevenzione e sicurezza sul lavoro.

Destinatari

Tutti i lavoratori secondo la definizione che riporta l’art.2, comma 1, del Testo Unico 81/08 di aziende classificate di rischio basso.

Obiettivi dell’apprendimento

Il corso vuole fornire a tutti i lavoratori la formazione generale inerente la salute e sicurezza sul luogo di lavoro in applicazione della normativa europea e una maggior percezione del rischio nelle proprie attività lavorative

Modalità verifica

Ai partecipanti che hanno frequentato il 90% del monte ore e superano il test finale, verrà rilasciato un attestato di frequenza valido ai sensi della vigente normativa.

Modalità formativa

Formazione a distanza sincrona

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia Lezione frontale - Interazione didattica basata principalmente sulla comunicazione tra formatore/allievo/gruppo classe, finalizzata all'approccio a contenuti nuovi, all'approfondimento, al confronto. Supportata da strumenti per la gestione della comunicazione (lucidi, schemi, sintesi, schede, dispense) atti a facilitare il processo di apprendimento e ad attivare l'acquisizione di un metodo di ascolto attivo e di gestione personalizzata degli appunti.
FORMAZIONE SPECIFICA ALLA SALUTE E SICUREZZA PER I LAVORATORI (AZIENDE RISCHIO BASSO)

La formazione specifica alla salute e sicurezza per i lavoratori (con esclusione del comparto costruzioni) si pone l'obiettivo di fare acquisire competenze specifiche per lo svolgimento in sicurezza delle mansioni esercitate dal lavoratore in azienda.

Destinatari

Tutti i lavoratori secondo la definizione che riporta l’art.2, comma 1, del Testo Unico 81/08 di aziende classificate di rischio basso.

Obiettivi dell’apprendimento

L’obiettivo, nel rispetto di quanto previsto dall’Accordo Stato-Regioni, è fornire conoscenze e metodi ritenuti indispensabili per conoscere i rischi dello specifico lavoro del lavoratore di aziende di rischio BASSO, conoscere l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e il quadro normativo che disciplina la sicurezza e la salute sul lavoro.

Modalità verifica

Ai partecipanti che hanno frequentato il 90% del monte ore e superano il test finale, verrà rilasciato un attestato di frequenza valido ai sensi della vigente normativa.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia Lezione frontale - Interazione didattica basata principalmente sulla comunicazione tra formatore/allievo/gruppo classe, finalizzata all'approccio a contenuti nuovi, all'approfondimento, al confronto. Supportata da strumenti per la gestione della comunicazione (lucidi, schemi, sintesi, schede, dispense) atti a facilitare il processo di apprendimento e ad attivare l'acquisizione di un metodo di ascolto attivo e di gestione personalizzata degli appunti.
FORMAZIONE SPECIFICA ALLA SALUTE E SICUREZZA PER I LAVORATORI (AZIENDE RISCHIO MEDIO)

Formazione Specifica: Concetti di rischio ‐ Danno ‐ Prevenzione ‐ Protezione ‐ Organizzazione della prevenzione aziendale ‐ Diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali ‐ Organi di vigilanza, controllo e assistenza - Rischio infortuni; - Meccanici ed elettrici generali; - Macchine, attrezzature e cadute dall’alto; - Rischi da esplosione, chimici, nebbie, oli, fumi, vapori, polveri; - Rischi cancerogeni, biologici; - Rischio Rumore, Vibrazione, Radiazioni, Microclima e illuminazione; - Videoterminali, DPI; - Organizzazione e ambienti di lavoro; - Stress lavoro correlato; - Movimentazione manuale carichi e merci; procedure organizzative per il Primo Soccorso. - Verifica di apprendimento.

Destinatari

Tutti i lavoratori secondo la definizione che riporta l’art. 2, comma 1, del Testo Unico 81/08 di aziende classificate di rischio medio

Obiettivi dell’apprendimento

L’obiettivo, nel rispetto di quanto previsto dall’Accordo Stato-Regioni, è fornire conoscenze e metodi ritenuti indispensabili per conoscere i rischi dello specifico lavoro del lavoratore di aziende di rischio medio, conoscere l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e il quadro normativo che disciplina la sicurezza e la salute sul lavoro.

Modalità verifica

Ai partecipanti che hanno frequentato il 90% del monte ore e superano il test finale, verrà rilasciato un attestato di frequenza valido ai sensi della vigente normativa.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia Lezione frontale - Interazione didattica basata principalmente sulla comunicazione tra formatore/allievo/gruppo classe, finalizzata all'approccio a contenuti nuovi, all'approfondimento, al confronto. Supportata da strumenti per la gestione della comunicazione (lucidi, schemi, sintesi, schede, dispense) atti a facilitare il processo di apprendimento e ad attivare l'acquisizione di un metodo di ascolto attivo e di gestione personalizzata degli appunti.
FORMAZIONE SPECIFICA ALLA SALUTE E SICUREZZA PER I LAVORATORI (AZIENDE RISCHIO ALTO)

L’obiettivo, nel rispetto di quanto previsto dall’Accordo Stato-Regioni, è fornire conoscenze e metodi ritenuti indispensabili per conoscere i rischi dello specifico lavoro del lavoratore di aziende di rischio medio, conoscere l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e il quadro normativo che disciplina la sicurezza e la salute sul lavoro.

Destinatari

Tutti i lavoratori secondo la definizione che riporta l’art.2, comma 1, del Testo Unico 81/08 di aziende classificate di rischio alto.

Obiettivi dell’apprendimento

Fornire le conoscenze per comprendere i fattori specifici che regolano l'organizzazione della sicurezza aziendale Fattori di rischio generali e specifici: Rischio infortuni; - Meccanici ed elettrici generali; - Macchine, attrezzature e cadute dall’alto; - Rischi da esplosione, chimici, nebbie, oli, fumi, vapori, polveri; - Rischi cancerogeni, biologici; - Rischio Rumore, Vibrazione, Radiazioni, Microclima e illuminazione; - Videoterminali, DPI; - Organizzazione e ambienti di lavoro; - Stress lavoro correlato; - Movimentazione manuale carichi e merci; procedure organizzative per il Primo Soccorso. - Verifica di apprendimento.

Modalità verifica

Ai partecipanti che hanno frequentato il 90% del monte ore e superano il test finale, verrà rilasciato un attestato di frequenza valido ai sensi della vigente normativa.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia Lezione frontale - Interazione didattica basata principalmente sulla comunicazione tra formatore/allievo/gruppo classe, finalizzata all'approccio a contenuti nuovi, all'approfondimento, al confronto. Supportata da strumenti per la gestione della comunicazione (lucidi, schemi, sintesi, schede, dispense) atti a facilitare il processo di apprendimento e ad attivare l'acquisizione di un metodo di ascolto attivo e di gestione personalizzata degli appunti.

Alessandria, Biella, Torino, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli,

Contatta l’Ente manifestando l’interesse

Hidden
Hidden
Hidden
Hidden
Privacy*
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.