La sicurezza in azienda: informazione e formazione

Un corso di IAL INNOVAZIONE APPRENDIMENTO LAVORO MARCHE SRL IMPRESA SOCIALE.

L’iniziativa è articolata in moduli i cui contenuti, strutturati nel rispetto di quanto previsto dalla normativa vigente, rispondono ai fabbisogni specifici dei settori coinvolti.

L’iniziativa vuole rappresentare lo strumento attraverso il quale offrire una serie di conoscenze e tecniche funzionali ad una corretta e consapevole gestione degli aspetti correlati alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Pertanto, obiettivo dell’iniziativa è far acquisire ai lavoratori ed aziende la capacità di lettura critica e analisi dei rischi e degli infortuni accaduti e di quelli mancati al fine di generare comportamenti responsabili attraverso l’assunzione di condotte adeguate.
La struttura modulare dell’iniziativa consentirà alle aziende, in rimando al settore ed ai rischi ad esso correlato, di sviluppare una formazione costruita sulle reali esigenze, creando contesti di apprendimento orientati a promuovere l’interscambio e finalizzata a favorire l’assunzione, da parte dei lavoratori, di un ruolo attivo sui temi della salute e sicurezza.
I moduli che rientrano nell’ambito di applicazione dell’Accordo Stato Regioni del 21.12.2011 in tema di formazione dei lavoratori ai sensi dell’Art. 37, D. Lgs n. 81/2008 sono conformi alla disciplina in essi contenuta.

I partecipanti avranno acquisito conoscenze adeguate affinché la sicurezza nei luoghi di lavoro si realizzi come condizione necessaria per lo svolgimento delle attività in sicurezza, senza esposizione a rischio di incidenti o malattie professionali.

A conclusione di ogni singolo modulo e comunque nel rispetto di quanto previsto dalla normativa vigente in materia, gli allievi saranno sottoposti ad una verifica dei risultati di apprendimento.

Federica Scopini

formazionecontinua@ialmarche.it

Formazione generale sulla Sicurezza per i Lavoratori

Il contesto normativo: D.Lgs. 81/2008 Concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione e organizzazione. Organizzazione del sistema aziendale della prevenzione e della protezione Le figure coinvolte nella gestione della prevenzione aziendale (ddl, MC, RSPP, ASPP, RLS, APS, AE, AA), la Valutazione dei Rischi (DVR, DUVRI) Diritti e doveri delle varie figure loro responsabilità e relative sanzioni. L'organizzazione degli organi di vigilanza, controllo e assistenza il ruolo delle ASL. Altri enti deputati al controllo.

Destinatari

Tutti i lavoratori dell'azienda in quanto esposti a rischi correlati al luogo di lavoro.

Obiettivi dell’apprendimento

Il modulo vuole formare i lavoratori per far conoscere i rischi correlati al luogo di lavoro e alla mansione ricoperta con l’obiettivo di renderli soggetti attivi e consapevoli.

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
Formazione specifica dei lavoratori in azienda a Basso Rischio

Rischi infortuni, Meccanici generali, Elettrici generali, Macchine, Attrezzature, Cadute dall’alto, Rischi da esplosione, Rischi chimici, Nebbie - Oli- Fumi - Vapori — Polveri, Etichettatura, Rischi cancerogeni, Rischi biologici, Rischi fisici, Rumore, Vibrazione, Radiazioni, Microclima illuminazione, Videoterminali, DPI Organizzazione del lavoro, Ambienti di lavoro, Stress lavorocorrelato, Movimentazione manuale carichi, Movimentazione merci (apparecchi di sollevamento, mezzi trasporto), Segnaletica, Emergenze, Le procedure di sicurezza con riferimento al profilo di rischio specifico, Procedure esodo e incendi, Procedure organizzative per il primo soccorso, Incidenti e infortuni mancati, Altri Rischi.

Destinatari

Tutti i lavoratori dell'azienda in quanto esposti a rischi correlati al luogo di lavoro classificato a Basso Rischio

Obiettivi dell’apprendimento

Il modulo affronta la formazione specifica dei Lavoratori – a completamento della formazione generale - in aziende con Basso Rischio di infortuni in conformità alle richieste dell'art. 37 del D. Lgs. 81/08 e dell'Accordo Stato Regioni sulla Sicurezza dei Lavoratori sancito il 21/12/11.

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
Formazione specifica dei lavoratori in azienda a Medio Rischio

Rischi infortuni, Meccanici generali, Elettrici generali, Macchine, Attrezzature, Cadute dall’alto, Rischi da esplosione, Rischi chimici, Nebbie - Oli - Fumi - Vapori — Polveri, Etichettatura, Rischi cancerogeni, Rischi biologici, Rischi fisici, Rumore, Vibrazione, Radiazioni, Microclima e illuminazione, Videoterminali, DPI organizzazione del lavoro, Ambienti di lavoro, Stress lavorocorrelato, Movimentazione manuale carichi, Movimentazione merci (apparecchi di sollevamento, mezzi trasporto), Segnaletica, Emergenze, Le procedure di sicurezza con riferimento al profilo di rischio specifico, Procedure esodo e incendi, Procedure organizzative per il primo soccorso, Incidenti e infortuni mancati, Altri Rischi.

Destinatari

Tutti i lavoratori dell'azienda in quanto esposti a rischi correlati al luogo di lavoro classificato a Medio Rischio

Obiettivi dell’apprendimento

Il modulo affronta la formazione specifica dei Lavoratori – a completamento della formazione generale -in aziende con Medio Rischio di infortuni in conformità alle richieste dell'art. 37 del D. Lgs. 81/08 e dell'Accordo Stato Regioni sulla Sicurezza dei Lavoratori sancito il 21/12/11.

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
Formazione specifica dei lavoratori in azienda ad Alto Rischio

Rischi infortuni, Meccanici generali, Elettrici generali, Macchine, Attrezzature, Cadute dall’alto, Rischi da esplosione, Rischi chimici, Nebbie - Oli - Fumi - Vapori — Polveri, Etichettatura, Rischi cancerogeni, Rischi biologici, Rischi fisici, Rumore, Vibrazione, Radiazioni, Microclima e illuminazione, Videoterminali, DPI Organizzazione del lavoro, Ambienti di lavoro, Stress lavorocorrelato, Movimentazione manuale carichi, Movimentazione merci (apparecchi di sollevamento, mezzi trasporto), Segnaletica, Emergenze, Le procedure di sicurezza con riferimento al profilo di rischio specifico, Procedure esodo e incendi, Procedure organizzative per il primo soccorso, Incidenti e infortuni mancati, Altri Rischi.

Destinatari

Tutti i lavoratori dell'azienda in quanto esposti a rischi correlati al luogo di lavoro classificato a Alto Rischio

Obiettivi dell’apprendimento

Il modulo affronta la formazione specifica dei Lavoratori – a completamento della formazione generale - in aziende ad alto rischio in conformità alle richieste dell'art. 37 del D. Lgs. 81/08 e dell'Accordo Stato Regioni sulla Sicurezza dei Lavoratori sancito il 21/12/11.

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
Corso di Aggiornamento della Formazione specifica – Basso rischio

"Introduzione normativa, Richiami di concetti di rischio, danno, pericolo, salute, malattia professionale, infortunio, prevenzione, protezione, Rischio da stress lavoro-correlato, Rischio da videoterminali, Movimentazione manuale dei carichi, Rischio elettrico, Rischio chimico, Procedure aziendali per le emergenze, il primo soccorso e l'evacuazione, Incidenti in itinere, Incidenti mancati, Rischio per gestanti

Destinatari

Tutti i lavoratori dell'azienda in quanto esposti a rischi correlati al luogo di lavoro classificato a Basso Rischio

Obiettivi dell’apprendimento

Il modulo fornisce l'aggiornamento quinquennale relativo alle misure di protezione per lavoratori in luoghi di lavoro a rischio basso.

Modalità verifica

"La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza."

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
Corso di Aggiornamento della Formazione specifica – Medio rischio

Evoluzioni e innovazioni, applicazioni pratiche e/o approfondimenti relativi a: - Approfondimenti giuridico – normativi; - Aggiornamenti tecnici sui rischi ai quali sono esposti i lavoratori; - Aggiornamenti su organizzazione e gestione della sicurezza in azienda; - Fonti di rischio e relative misure di prevenzione.

Destinatari

Tutti i lavoratori dell'azienda in quanto esposti a rischi correlati al luogo di lavoro classificato a Medio Rischio.

Obiettivi dell’apprendimento

Il modulo fornisce l'aggiornamento quinquennale relativo alle misure di protezione per lavoratori in luoghi di lavoro a medio rischio.

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
Corso di Aggiornamento della Formazione specifica – Alto rischio

Evoluzioni e innovazioni, applicazioni pratiche e/o approfondimenti relativi a: - Approfondimenti giuridico–normativi; - Aggiornamenti tecnici sui rischi ai quali sono esposti i lavoratori; - Aggiornamenti su organizzazione e gestione della sicurezza in azienda; - Fonti di rischio e relative misure di prevenzione.

Destinatari

Tutti i lavoratori dell'azienda in quanto esposti a rischi correlati al luogo di lavoro classificato a Alto Rischio

Obiettivi dell’apprendimento

Il modulo fornisce l'aggiornamento quinquennale relativo alle misure di protezione per lavoratori in luoghi di lavoro ad alto rischio.

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
RLS – Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Gli aspetti generali della sicurezza sul lavoro. La valutazione dei rischi. Gli aspetti sindacali. Il sistema di prevenzione. La comunicazione efficace, l’informazione e la formazione dei lavoratori sulla sicurezza. La sicurezza delle macchine e degli ambienti di lavoro. Gli aspetti generali dell’igiene del lavoro. La prevenzione incendi. La sicurezza elettrica. La sorveglianza sanitaria.

Destinatari

Lavoratori che ricoprono nelle aziende un ruolo strategico in rimando ai temi della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Obiettivi dell’apprendimento

Il modulo ha l'obiettivo di formare il Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza affinché sia in grado di gestire i propri comportamenti e quelli dei propri collaboratori in una condizione di sicurezza. Far apprendere le nozioni inerenti la Legislazione vigente in materia di igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro e sensibilizzare sull’importanza della tutela dei lavoratori contro i rischi derivanti dalla mancata applicazione delle norme di legge.

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
RLS – Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza – Aggiornamento (Aziende con meno di 50 dipendenti)

Valutazione dello stato di consapevolezza e coinvolgimento nelle organizzazioni di riferimento degli RLS presenti, Principi giuridici: il D.Lgs. 81/08 e il D.Lgs. 106/09 - Le misure generali di tutela, obblighi e doveri delle “figure della sicurezza” e novità legislative introdotte - Ruolo del RLS e Ruolo dei lavoratori nella progettazione della sicurezza - La valutazione dei rischi specifici, il documento di valutazione, i lavori in appalto ed i piani d’azione - La gestione e partecipazione alla riunione di cui all’art. 35 del D.Lgs. 81/08 - La formazione dei lavoratori ed il loro coinvolgimento: i piani formativi - Saper comunicare efficacemente la sicurezza.

Destinatari

Lavoratori che ricoprono nelle aziende un ruolo strategico in rimando ai temi della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Obiettivi dell’apprendimento

Il modulo vuole fornire ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (RLS) il corretto aggiornamento in materia per poter esercitare la funzione ricoperta.

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
RLS – Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza – Aggiornamento (Aziende con più di 50 dipendenti)

Valutazione dello stato di consapevolezza e coinvolgimento nelle organizzazioni di riferimento degli RLS presenti, Principi giuridici: il D.Lgs. 81/08 e il D.Lgs. 106/09 - Le misure generali di tutela, obblighi e doveri delle “figure della sicurezza” e novità legislative introdotte - Ruolo del RLS e Ruolo dei lavoratori nella progettazione della sicurezza - La valutazione dei rischi specifici, il documento di valutazione, i lavori in appalto ed i piani d’azione - La gestione e partecipazione alla riunione di cui all’art. 35 del D.Lgs. 81/08 - La formazione dei lavoratori ed il loro coinvolgimento: i piani formativi - Saper comunicare efficacemente la sicurezza.

Destinatari

Lavoratori che ricoprono nelle aziende un ruolo strategico in rimando ai temi della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Obiettivi dell’apprendimento

Il modulo vuole fornire ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (RLS) il corretto aggiornamento in materia per poter esercitare la funzione ricoperta.

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
Carrellisti

Modulo Teorico Pratico: Normativa generale, Normativa di riferimento attrezzature di lavoro; Responsabilità dell’operatore. Modulo Teorico Tecnico: carrelli e loro caratteristiche, nozioni di fisica applicata ai carrelli, principali rischi, controlli e manutenzioni, modalità di utilizzo in sicurezza, Verifica intermedia. Modulo Pratico (comprensivo di verifica finale): componenti, dispositivi di sicurezza, manutenzioni e verifiche, guida del carrello su percorso di prova, Verifica pratica.

Destinatari

Lavoratori che per lo svolgimento delle loro mansioni necessitano dell'utilizzo del carrello elevatore.

Obiettivi dell’apprendimento

Il modulo si propone l’obiettivo di formare i lavoratori che sono chiamati ad operare attraverso l’utilizzo del carrello elevatore industriali semoventi (ossia qualunque veicolo su ruote ad esclusione di quelli circolanti su rotaie, concepito per trasportare, trainare, spingere, sollevare, impilare o disporre su scaffalature qualsiasi tipo di carico ed azionato da un operatore a bordo con sedile).

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza - Abilitazione all'utilizzo di carrelli elevatori

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
Aggiornamento Carrellisti

Modulo Teorico Pratico: Illustrazione, seguendo le istruzioni di uso del carrello, dei vari componenti e delle sicurezza; Manutenzione e verifiche giornaliere e periodiche di legge e secondo quanto indicato nelle istruzioni di uso del carrello.

Destinatari

Lavoratori che per lo svolgimento delle loro mansioni necessitano dell'utilizzo del carrello elevatore.

Obiettivi dell’apprendimento

Il modulo si propone l’obiettivo di aggiornare le competenze dei lavoratori che sono chiamati ad operare attraverso l’utilizzo del carrello elevatore industriali semoventi (ossia qualunque veicolo su ruote ad esclusione di quelli circolanti su rotaie, concepito per trasportare, trainare, spingere, sollevare, impilare o disporre su scaffalature qualsiasi tipo di carico ed azionato da un operatore a bordo con sedile).

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
Antincendio – Basso Rischio

L’incendio e la prevenzione incendi. La protezione antincendio e le procedure da adottare in caso di incendio. Esercitazioni pratiche.

Destinatari

Lavoratori nominati addetti antincendio, incaricati delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato e, comunque, di gestione dell'emergenza all'interno delle aziende classificate a Basso Rischio.

Obiettivi dell’apprendimento

La formazione ha l'obiettivo di illustrare la normativa e le problematiche relative alla sicurezza antincendio e alla sua gestione in azienda a rischio di incendio basso, come previsto dal D.Lgs. 81/08.

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
Antincendio – Medio Rischio

L’incendio e la prevenzione incendi. La protezione antincendio e le procedure da adottare in caso di incendio. Esercitazioni pratiche.

Destinatari

Lavoratori nominati addetti antincendio, incaricati delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato e, comunque, di gestione dell'emergenza all'interno delle aziende classificate a Medio Rischio.

Obiettivi dell’apprendimento

Il Modulo ha l'obiettivo di illustrare la normativa e le problematiche relative alla sicurezza antincendio e alla sua gestione in una azienda a rischio di incendio medio, come previsto dal D.Lgs. 81/08.

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
Antincendio – Aggiornamento (Basso Rischio)

Presa visione del registro della sicurezza antincendi e chiarimenti sugli estintori portatili. Istruzioni sull'uso degli estintori portatili effettuata o avvalendosi di sussidi audiovisivi o tramite dimostrazione pratica.

Destinatari

Lavoratori nominati addetti antincendio, incaricati delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato e, comunque, di gestione dell'emergenza all'interno delle aziende classificate a Basso Rischio.

Obiettivi dell’apprendimento

Il modulo ha l'obiettivo di aggiornare i lavoratori che compongono la squadra di emergenza in azienda a rischio di incendio basso, come previsto dal D.Lgs. 81/08.

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
Antincendio – Aggiornamento (Medio Rischio)

L'incendio e la prevenzione: principi sulla combustione, prodotti della combustione, sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio, effetti dell'incendio sull'uomo, divieti e limitazioni di esercizio misure comportamentali. Protezione antincendio e procedure da adottare in caso di incendio: principali misure di protezione antincendio, evacuazione in caso d'incendio, chiamata dei soccorsi. Esercitazioni pratiche: presa visione del registro della sicurezza antincendio e chiarimenti sugli estintori portatili esercitazioni sull'uso degli estintori portatili e modalità di utilizzo di naspi ed idranti.

Destinatari

Lavoratori nominati addetti antincendio, incaricati delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato e, comunque, di gestione dell'emergenza all'interno delle aziende classificate a Medio Rischio.

Obiettivi dell’apprendimento

Il modulo ha l'obiettivo di aggiornare i lavoratori che compongono la squadra di emergenza in azienda a rischio di incendio medio, come previsto dal D.Lgs. 81/08.

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
Primo Soccorso (Aziende gruppo A)

Come previsto dal DM n. 388/2003 il programma del modulo prevede i seguenti argomenti: La Normativa specifica in materia. Allertare il sistema di soccorso. L’organizzazione della squadra e del servizio di primo soccorso. Riconoscere un’emergenza sanitaria e le condizioni dell’intervento. I principali interventi di primo soccorso per il controllo delle funzioni vitali. Traumi in ambiente di lavoro. Patologie specifiche in ambienti di lavoro. Tecniche e manovre di intervento.

Destinatari

Lavoratori preventivamente designati per gestire le emergenze compiendo le azioni necessarie a preservare la vita del lavoratore infortunato durante le operazioni di primo soccorso aziendale in aziende classificate del Gruppo A.

Obiettivi dell’apprendimento

Il modulo è finalizzato ad istruire il personale addetto sugli aspetti e procedure da adottare in caso di infortunio e/o malore in azienda.

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
Primo Soccorso – Aggiornamento (Aziende gruppo A)

Tecniche di comunicazione con il sistema di emergenza del S.S.N.; tecniche di primo soccorso nelle sindromi cerebrali acute; tecniche di primo soccorso nella sindrome di insufficienza respiratoria acuta; tecniche dì rianimazione cardiopolmonare; tecniche di tamponamento emorragico; tecniche di sollevamento, spostamento e trasporto del traumatizzato; tecniche di primo soccorso in casi di esposizione accidentale ad agenti chimici e biologici.

Destinatari

Lavoratori preventivamente designati per gestire le emergenze compiendo le azioni necessarie a preservare la vita del lavoratore infortunato durante le operazioni di primo soccorso aziendale in aziende classificate del Gruppo A.

Obiettivi dell’apprendimento

Il modulo vuole adempiere all'obbligo dell'aggiornamento triennale previsto dall'art. 3 comma 5 del D.M. 388 del 15/07/2003 e migliorare le capacità di intervento pratico dell’addetto al Primo Soccorso.

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
Primo Soccorso (Aziende gruppo B e C)

Come previsto dal DM n. 388/2003 il programma del modulo prevede i seguenti argomenti: La conoscenza della Normativa specifica “in materia di Pronto Soccorso (PS) e di assistenza medica di emergenza”. Allertare il sistema di soccorso. L’organizzazione della squadra e del servizio di primo soccorso. Riconoscere un’emergenza sanitaria e le condizioni dell’intervento. I principali interventi di primo soccorso per il controllo delle funzioni vitali. Acquisire conoscenze generali sui traumi in ambiente di lavoro. Conoscenze generali sulle patologie specifiche in ambienti di lavoro. Capacità di intervento pratico.

Destinatari

Lavoratori preventivamente designati per gestire le emergenze compiendo le azioni necessarie a preservare la vita del lavoratore infortunato durante le operazioni di primo soccorso aziendale in aziende classificate del Gruppo B e C.

Obiettivi dell’apprendimento

Il modulo è finalizzato ad istruire il personale addetto sugli aspetti e procedure da adottare in caso di infortunio e/o malore in azienda.

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
Primo Soccorso – Aggiornamento (Aziende gruppo B e C)

Tecniche di comunicazione con il sistema di emergenza del S.S.N.; tecniche di primo soccorso nelle sindromi cerebrali acute; tecniche di primo soccorso nella sindrome di insufficienza respiratoria acuta; tecniche dì rianimazione cardiopolmonare; tecniche di tamponamento emorragico; tecniche di sollevamento, spostamento e trasporto del traumatizzato; tecniche di primo soccorso in casi di esposizione accidentale ad agenti chimici e biologici.

Destinatari

Lavoratori preventivamente designati per gestire le emergenze compiendo le azioni necessarie a preservare la vita del lavoratore infortunato durante le operazioni di primo soccorso aziendale in aziende classificate del Gruppo B e C.

Obiettivi dell’apprendimento

Il modulo vuole adempiere all'obbligo dell'aggiornamento triennale previsto dall'art. 3 comma 5 del D.M. 388 del 15-07-2003 e migliorare le capacità di intervento pratico dell’addetto al Primo Soccorso.

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
Formazione SAB – Aggiornamento

Igiene e sicurezza degli alimenti; Merceologia ed etichettatura degli alimenti; Sicurezza sul lavoro.

Destinatari

Operatori nel comparto della preparazione e somministrazione di alimenti e bevande.

Obiettivi dell’apprendimento

Il corso ha lo scopo di aggiornare e formare gli operatori del settore, con particolare attenzione al riconoscimento merceologico, etichettatura degli alimenti, manipolazione igenica e sicura degli alimenti, gestione del luogo di lavoro in sicurezza e nel rispetto delle normative in materia.

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
Formazione per Preposti

Formazione particolare aggiuntiva. Il sistema di prevenzione aziendale e i soggetti coivolti, fattori di rischio, comunicazione e sensibilizzazione dei lavoratori sul tema della sicurezza.

Destinatari

Lavoratori che ricoprono nelle aziende un ruolo strategico in rimando ai temi della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Obiettivi dell’apprendimento

Il modulo ha l'obiettivo di formare il lavoro Preposto per la Sicurezza affinché sovrintenda alle attività lavorative svolte dai lavoratori, garantisca l'attuazione delle direttive ricevute dal datore di lavoro, controlli la corretta esecuzione delle direttive stesse da parte dei lavoratori.

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.
Formazione per Preposti – aggiornamento

Formazione particolare aggiuntiva. Il sistema di prevenzione aziendale e i soggetti coinvolti, fattori di rischio, comunicazione e sensibilizzazione dei lavoratori sul tema della sicurezza.

Destinatari

Lavoratori che ricoprono nelle aziende un ruolo strategico in rimando ai temi della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Obiettivi dell’apprendimento

Il modulo ha l'obiettivo di aggiornaere le conoscenze e le competenze del lavoratore Preposto per la sicurezza affinché sovrintenda alle attività lavorative svolte dai lavoratori, garantisca l'attuazione delle direttive ricevute dal datore di lavoro, controlli la corretta esecuzione delle direttive stesse da parte dei lavoratori.

Modalità verifica

La verifica di apprendimento sarà definita sulla base della specificità del modulo e della normativa a cui esso afferisce (test, prova pratica, simulazioni). Sarà rilasciato Attestato di frequenza.

Modalità formativa

Lezioni frontali (Aula tradizionale)

Metodologia L’approccio metodologico prevede la partecipazione attiva del singolo, con ampio spazio al confronto stimolato dal formatore partendo dall’analisi di casi reali e simulazioni di eventi. Metodologie didattiche utilizzate: lezioni frontali; analisi di caso; simulazioni.

Ancona, Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, Pesaro e Urbino,

Contatta l’Ente manifestando l’interesse

Hidden
Hidden
Hidden
Hidden
Privacy*
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.